incastonato nelle imponenti dune più alte d’Europa dichiarate patrimonio dell’umanità da parte dell’UNESCO, l’hotel ecoresort 4 stelle Le Dune Piscinas è un grande caseggiato in pietra grigia e intonaci dorati

l’edificio è stato recuperato da una struttura mineraria ottocentesca nella quale venivano depositati i minerali di blenda e galena, trasportati con i vagoni dalle laverie di Naracauli, cantiere di Ingurtosu, antico borgo minerario una volta fiorente e ora silenzioso e in disuso

si articola in tre fabbricati collegati tra loro da una piazzetta aperta davanti al mare e da una corte interna con pavimento in cotto settecentesco che custodisce reperti archeologici punici e romani

il fabbricato principale dell’hotel, a cui si accede da una galleria in pietra di scisto un tempo attraversata dai carrelli carichi di minerali, ospita la reception aperta 24 ore su 24, l’american bar con annesso l’ampio living impreziosito da un pregevole camino in pietra sarda, la sala TV e le quindici camere doppie superior, che possono essere trasformate su richiesta in triple o quadruple

nel fabbricato centrale, a suo tempo utilizzato come scuderia per gli asini e i cavalli che trainavano i carrelli fino al molo di caricamento, sono state ricavate undici camere standard con bagno

il terzo fabbricato, più avanzato verso il mare, già deposito della galena, ospita al primo piano la master suite ovvero un appartamento con vista panoramica sulla spiaggia e sulle dune di Piscinas e, al piano terra, il ristorante con la sua terrazza fronte mare e la sala colazioni con il suo ricco buffet preparato dalla cucina dell’hotel con soli prodotti del territorio circostante l’ecoresort

il complesso minerario, così come lo stesso l’hotel, è stato dichiarato nel 1985 Monumento Nazionale dal Ministero dei Beni Culturali per il suo particolare interesse storico e l’elevato pregio artistico

il paesaggio circostante, immerso nella Costa Verde, è di grande bellezza naturalistica ed è caratterizzato da un susseguirsi di splendide spiagge, interrotte da cale rocciose, deserti di sabbia e macchia mediterranea

nelle vicinanze lo scenario incanta con il suo fascino sottile e struggente: da Ingurtosu e precisamente dall’arco del Palazzo della Direzione -edificato nel 1875 su progetto dell’ingegnere Bornemann e fedele riproduzione di un castello della sua terra natale, la Turingia- si prosegue e si scende verso il fondovalle, seguendo l’antico tracciato della ferrovia mineraria di cui affiorano ancora vasti tratti di traversine in legno e granito e rotaie oramai corrose dalla salsedine

si percorrono sette chilometri di strada bianca tra boschi di lecci e profumati ginepri e, nel silenzio incantato di un paesaggio fantasma, non è difficile incontrare qualche esemplare di cervo sardo che popola la valle e a volte si spinge fino al mare

la felice posizione geografica dell’ecoresort consente, inoltre, di raggiungere in tempi brevi i più importanti siti archeologici e naturalistici del centro e del sud della Sardegna, passando attraverso alcune delle più belle strade panoramiche dell’isola

dal 26 Giugno e fino al 30 Agosto 2020 regalati il relax tra le dorate dune di Piscinas

PISCINAS’ ART

Piscinas’ Art è il format promozionale di arte contemporanea per rappresentare e comunicare, attraverso la creazione di un’opera originale, l’incredibile e suggestivo territorio di Piscinas, con le sue dune di sabbia, il mare cristallino e le testimonianze della passata epopea mineraria

partito nel 2015 con la partecipazione del pittore milanese Paolo Maggis, ogni anno vede coinvolto un artista diverso che, ospitato nella struttura, realizzerà nell’hotel e per l’hotel, un’opera site specific; tracce del passaggio dell’artista sono visibili anche nella grafica utilizzata nel menu à la carte e nei sottobicchieri, questi ultimi veri oggetti da collezione

ulteriore nota caratteristica del format è la scelta dell’artista dell’anno fatta dal protagonista dell’edizione precedente, a formare una catena ideale di sensibilità che, in amicizia, intrecciano i loro percorsi

dopo le edizione successive al 2015 che hanno visto l’intervento degli artisti Vanni Cuoghi, Mirko Baricchi, Lorenzo di Lucido e Giulio Catelli, ospite di Le Dune Piscinas della stagione 2020 è Elisa Filomena, torinese, che concentra la propria attenzione sul rapporto che la figura umana tesse con la natura che la circonda, componendo suggestioni che rivelano ciò che la nostra percezione non riesce a cogliere

Giulio Catelli

2019

Lorenzo Di Lucido

2018

Mirko Barricchi

2017

Vanni Cuoghi

2016

Giulio Catelli

2019

Lorenzo Di Lucido

2018

Mirko Barricchi

2017

Vanni Cuoghi

2016

Giulio Catelli

Giulio Catelli

Giulio Catelli

Di Lucido

Di Lucido

Di Lucido

Di Lucido

Di Lucido

Di Lucido

Barricchi

Barricchi

Cuoghi

RISCOPRI IL LUSSO DELLA LENTEZZA

Prenota la tua prossima vacanza

PRENOTA